Caratteristiche generali delle lingue specialistiche a livello morfosintattico e lessicale

W dokumencie Leggibilità e comprensibilità del linguaggio medico attraverso i testi dei foglietti illustrativi in italiano e in polacco (Stron 55-60)

1.4. Foglietto illustrativo e linguaggio medico

1.4.2. Caratteristiche generali delle lingue specialistiche a livello morfosintattico e lessicale

Le lingue specialistiche si caratterizzano per diversi tratti a livello morfosintattico e lessicale, in più rispettano diversi criteri fondamentali che trovano la loro realizzazione su questi due livelli. Hoffmann (1984 citato da Sobrero 1993) enumera i seguenti principi:

precisione, oggettività, astrattezza, generalizzazione, densità di informazione, sinteticità, neutralità emotiva, mancanza di ambiguità, impersonalità, coerenza logica, uso di termini tecnici definiti, di simboli e di figure (Sobrero 1993: 243). In queste caratteristiche viene inoltre rispecchiata la discrepanza fra il linguaggio specialistico e quello comune, basti pensare al principio della neutralità emotiva, il quale significa la esclusione di qualsiasi connotazione emotiva (Sobrero 1993: 243-244). Per fornire un esempio si può pensare a qualsiasi nome di malattia, che nel contesto scientifico vorrà presentare solo il suo fenomeno e in un testo prodotto nel linguaggio comune può essere affiancato da diverse emozioni, come paura, ansia, timore eccetera. Dal momento in cui una data parola viene “estratta” dal lessico comune le viene tolto tutto il suo bagaglio emotivo e viene impiegata in accezioni nuove, rivestita di un nuovo significato privo di connotazioni emotive, allusive ed evocative (Sobrero 1993: 245).

La caratteristica fondamentale del testo scientifico è presentata dalla sua monoreferenzialità (Sobrero 1993: 246), la quale rispecchia il principio di mancanza di ambiguità citato da Hoffmann e vuol dire un’unica univocità e un solo significato di una data parola, in modo da non creare dei significati nascosti o delle incomprensioni (almeno dal punto di vista linguistico).

Le lingue specialistiche non implicano l’utilizzo o la creazione di una grammatica, una fonemica o una fonetica “specialistica”, in quanto tutti questi elementi si sovrappongono con

quelli della lingua comune. La loro grammatica è inclusa nella grammatica della lingua comune, viene però caratterizzata da un fattore molto importante - è selettiva, ossia comprende soltanto alcuni tratti della grammatica generale (Grucza F. 2002: 18) e dà una maggiore rilevanza a certe sue caratteristiche.

Così, a livello morfosintattico le lingue speciali sono caratterizzate da certi fenomeni che esistono anche nelle lingue comuni e sono:

-

processo di nominalizzazione, che si manifesta attraverso la preferenza per lo stile nominale;

-

perdita di importanza del verbo, presentata dall’uso frequente delle forme nominali del verbo (participio presente e passato);

-

abolizione di ogni forma verbale;

-

alta densità semantica (una grande percentuale di elementi lessicali);

-

uso ridotto delle preposizioni, che vengono eliminate per esempio nell’accoppiamento di due sostantivi;

-

uso del passivo e delle forme impersonali (Sobrero 1993: 249-250).

Come è stato possibile osservare già nella parte di questa tesi che riguardava le definizioni che vengono adoperate per le lingue specialistiche, a queste ultime viene attribuito l’utilizzo del lessico specialistico. Su questo Cortelazzo scrive:

La morfosintassi ed anche, come si vedrà, il livello dell’organizzazione testuale sono essenziali a caratterizzare una lingua speciale. Resta però il fatto che è il lessico a fornire elementi distintivi che individuano una lingua speciale sia rispetto ad altre lingue speciali sia rispetto alla lingua comune, trattandosi, nel caso della morfosintassi, di ricorrenze statisticamente significative, ma non esclusive (Cortelazzo 1990: 7).

Ovviamente il lessico non rappresenta l’intero contenuto scientifico di una data branca scientifica41. Come sostiene Franciszek Grucza, la terminologia di un dato campo scientifico non è costituita soltanto dai termini o da certe espressioni. Prende vita dall’intera scienza che viene in seguito rappresentata dalle parole. Rimanendo in questo contesto, il linguista polacco lascia le lingue speciali interamente a carico dei linguisti, togliendo loro la padronanza totale

41 In questo caso la ridondanza delle parole risulta inevitabile.

della terminologia, che viene parzialmente attribuita ai professionisti della data branca scientifica (Grucza F. 2002: 15). In merito a questo si potrebbe arrivare all’approccio di Sambor Grucza che nel suo studio riguardante il passaggio dalla linguistica del testo alla linguistica del testo specialistico cerca di determinare in base a quali criteri un dato testo può appartenere (o no) al gruppo dei testi specialistici. Nella ricerca stabilisce che il valore principale viene attribuito alla genesi del testo, in quanto un testo specialistico viene prodotto da uno specialista con lo scopo di esprimere un dato messaggio specialistico (Grucza S. 2004:

149-150).

Vale la pena inoltre dare uno sguardo all’impostazione riguardante l’identificazione della lingua speciale presentata da Luca Serianni. Egli scrive: “Il lessico non esaurisce i tratti linguisticamente rilevanti di una lingua speciale e la sua specificità rispetto alla lingua corrente. Entrano o possono entrare in gioco fattori diversi e più profondamente strutturati, come l’organizzazione testuale e sintattica” (Serianni 2005: 114). Un approccio simile viene presentato da Fluck (1980 citato da Cortelazzo 1990) che sostiene che “le lingue speciali senza l’inclusione della sintassi non sarebbero delle lingue, ma solo un assemblaggio di termini” (Cortelazzo 1990: 6-7). Da queste frasi si può dedurre la complessità che viene attribuita da due studiosi alla questione dei linguaggi specialistici, che vogliono vederli come un insieme di fattori inseparabili.

Altre voci, invece, fra cui quella di Sambor Grucza, spostano l’importanza, o per lo più, l’esistenza dei linguaggi speciali, proprio sulla loro terminologia. Come viene esposto dal linguista polacco, l’interesse suscitato nei confronti dei linguaggi speciali è stato basato e alimentato dall’interesse verso la loro terminologia, anche se la parola stessa può riferirsi a diversi concetti. Con questo Grucza accenna al doppio approccio verso la terminologia, che da alcuni viene considerata come un sottosettore delle ricerche sui linguaggi specialistici e altri, proprio al contrario, la vedono come una branca che contiene i linguaggi specialistici (Grucza S. 2004: 13-14). Grucza parla inoltre del fenomeno della tecnicità [fachowość], la quale è responsabile per il carattere tecnico del dato testo e del suo aspetto graduale. Gli esponenti della tecnicità vengono inoltre definiti come linguistici identificatori dei testi specialistici (Grucza S. 2004: 125).

Non si può mettere in dubbio il fatto che le lingue speciali siano nate in base a delle lingue comuni e, in quanto possono divergere da esse con diverse caratteristiche proprie, a livello lessicale la loro autonomia non è del tutto assoluta nei confronti della lingua comune, il

che vuol dire che una parte dei lessemi appartenenti alla lingua speciale proviene dalla lingua comune oppure da una lingua specialistica secondaria [subjęzyk specjalistyczny]42, come anche una loro parte può costituire diversi tipi di abbreviazioni dei lessemi, o dei collegamenti fra i lessemi propri di una lingua comune oppure di una lingua specialistica secondaria (Kornacka 2004: 93).

Le differenze fra una lingua speciale e una lingua comune si manifestano su diversi livelli, fra cui quello funzionale. Secondo Grucza i tecnoletti costituiscono un sistema semiotico autonomo a cui viene associata sin dalle origini la funzione strumentale, cognitiva e comunicativa. Alla lingua comune vanno invece associate le altre funzioni, fra cui quella appellativa ed emotiva. Un’altra caratteristica appartenente alla lingua speciale è rappresentata dalla monosemia, la quale si presenta sotto forma di univocità dei segni a livello semantico.

Le lingue speciali vengono caratterizzate inoltre dalla ipotassi e dalla semplificazione a livello morfologico (Pytel 2004: 104-105).

In precedenza è stato già fatto un accenno al rapporto che intercorre fra il lessico delle lingue speciali e quello delle lingue comuni. A questo proposito si può rilevare che nel primo caso vengono aggiunti alcuni elementi riguardanti il settore a cui fanno riferimento, allo stesso tempo lontano dalla vita quotidiana (come per esempio le denominazioni di diverse malattie, per il linguaggio medico, o diversi nomi di crimini, per quanto riguarda il linguaggio giuridico) (Cortelazzo 1990: 7). Il lessico dei settori specialistici risulta, inoltre, molto sviluppato. Secondo gli studi svolti da Migliorini (1961) e Porep/Studel (1974 citato da Cortelazzo 1990) i termini della medicina ammontano a 170.000, tenendo conto dei nomi dei medicinali, considerando quindi anche i termini della chimica (Cortelazzo 1990: 7-8).

Parlando del lessico di una data branca specialistica si fa diretto riferimento ai tecnicismi, ossia a quelle parole che in linguistica sono costituite da termini o locuzioni che indicano concetti propri di un determinato ambito settoriale. Nella lingua polacca vengono utilizzate due parole a descrivere tale concetto: wyrazy specjalistyczne e terminy. Seguendo però il pensiero di Schwenk (2009, 2010 citato da Jędrzejowski/Jędrzejowska 2014), bisogna ricordare che per esprimere il contenuto specialistico non ci si avvale di una sola parola, ma succede spesso che lo stesso contenuto venga ripartito in due diverse forme linguistiche. In

42 La lingua specialistica secondaria è una lingua non autonoma nei confronti della lingua comune, come per esempio il linguaggio polacco dell’astronomia (Kornacka 2004: 86).

virtù di ciò la tecnicità informativa [fachowość informacyjna] viene rispecchiata in due tipi di tecnicità d’espressione [fachowość wyrażeniowa]: tecnicità d’espressione generale [ogólna fachowość wyrażeniowa] e tecnicità d’espressione speciale [specjalna fachowość

wyrażeniowa]. Questa bipolarità viene dimostrata da Schwenk attraverso il lessico appartenente alla medicina, in quanto esistono svariate parole riferite allo stesso contenuto specialistico. Esse vengono però espresse sotto diverse forme linguistiche, responsabili per la loro comprensione - si tratta delle parole utilizzate soltanto nell’ambiente degli esperti e delle parole meno specifiche riservate agli utenti. Di conseguenza vengono individuati termini generali, termini specialistici e semplicemente termini. I termini generali sono rappresentati da parole od espressioni corrispondenti ad un termine specialistico. Esse però sono accessibili alla maggioranza degli utenti. I termini specialistici (oppure i termini degli esperti) sono quelle parole che trovano un loro corrispondente in un termine generale, ma sono limitate soltanto a un certo gruppo di persone che le utilizzano. I termini, a sua volta, non possiedono nessun corrispondente (Jędrzejowski/Jędrzejowska 2014: 84-85).

Le unità terminologiche possono essere inoltre suddivise in 4 tipi, quali:

-

termini teorici;

-

termini empirici;

-

quasi-termini;

-

ipotermini (Woźnicka 2004: 79).

I lessici terminologici di specifiche scienze specialistiche si differenziano per la dominanza delle suddette unità. In base a questo il linguaggio della medicina, in ordine di importanza, è costituito da: termini empirici, termini teorici, ipotermini, quasi-termini (Woźnicka 2004: 79).

Le sottolingue specialistiche a livello lessicale costituiscono una specie di ampliamento del linguaggio comune, invece a livello grammaticale - la sua riduzione (Grucza F. 1994: 21-22). Le ricerche sulla lessicografia dei linguaggi specialistici rappresentano una lunga tradizione, mentre la grammaticografia, in passato, veniva sottoposta raramente ad analisi. Ciò probabilmente è dovuto, come sostiene Kornacka, al fatto della loro identificazione con il linguaggio comune e, a questo punto, alla mancata diversificazione da esso (Kornacka 2004: 86).

Il lessico dei linguaggi settoriali viene spesso identificato con la loro nomenclatura, che costituisce “un insieme di termini ciascuno dei quali ha una definizione concettuale esplicita all’interno di una tassonomia gerarchica. A sua volta la tassonomia è determinata da una classificazione scientifica (o tecnica) che dipende dalle strutture concettuali tipiche della disciplina” (Sobrero 1993: 238).

Alla luce di quanto detto sopra, ma prendendo in considerazione anche le limitazioni dovute allo spazio concesso, nella presente ricerca si è deciso di dare peso soprattutto alla questione lessicale, non rinunciando del tutto alla morfosintassi, i cui tratti verranno presentati in modo più conciso e generale. In merito a questo verrà dedicato uno dei seguenti sottocapitoli che vorrà presentare le tipiche caratteristiche, appena menzionate, dei linguaggi specialistici, presenti nei testi dei foglietti illustrativi dei medicinali. Si è ritenuto inoltre opportuno trattare un’altra questione che rientra nell’ambito delle lingue specialistiche, ossia la ripartizione che è stata fatta da diversi studiosi, cercando di collocare all’interno di esse la posizione del linguaggio medico, e in modo più specifico, dei foglietti illustrativi.

W dokumencie Leggibilità e comprensibilità del linguaggio medico attraverso i testi dei foglietti illustrativi in italiano e in polacco (Stron 55-60)